Testimonianza

Testimonianza

Sono la mamma di Valentina e nonna di CHIARA, la mia storia inizia nell’ottobre del 2007, giorno in cui mia figlia mi comunica che sarei diventata nonna.

Inutile dire la gioia che ho provato mi sono subito immedesimata nel ruolo e con amore mi sono cimentata nel preparare le cose più belle per ricevere la mia prima nipotina. Me la immaginavo già che mi correva incontro con i sui codini e mi chiamava nonna. I mesi passarono e finalmente quella mattina del 15 giugno 2008 squilla il telefono: mamma ci siamo mi diceva mia figlia, scappo di corsa e ci precipitiamo all’ospedale. Ci voleva ancora un po’ e CHIARA finalmente era tra noi , felicita ,emozione, gioia ho provato di tutto.

Era bellissima, una bambolina. Ero tornata indietro nel tempo quando nacque la sua mamma. I giorni passarono e CHIARA era dolcissima: cresceva e cominciava a conoscere le persone che la riempivano d’amore. Mio genero e mia figlia mi rendevano partecipe alle sue uscite e come mi gongolavo quando mi fermavano x ammirare la mia nipotina. I mesi passarono ci stavamo preparando al natale, ricordo ancora quel lunedì, non dovevamo vederci ma come un segno del destino incontrai mia figlia che arrivava da fare la spesa le tenei Chiara mentre portava la spesa in casa e poi decidemmo di fare una passeggiata , il destino ci fa incontrare mio marito e una parte della mia famiglia . Era un segno ? Ignari di quello che sarebbe successo di li a poche ore rientrammo ognuno nelle nostre case ……………..21 ,45 squilla il cellulare ……….mamma CHIARA e’ morta . Nn capivo urlavo mi sembrava un sogno ma haime’ era la cruda realta ,scappai di corsa e urlavo da sola x strada mi sembrava i nn arrivare mai all abitazione di mia figlia.quando arrivai c erano quelli del 118 con mia nipote in braccio ,ho supplicato di farmi salire con loro volevo stare con mia nipote . In quegli attimi pregai , supplicai mia madere che mi aveva gia lasciata , di proteggerla ,ma nn servi a nulla , quando arrivammo all ospedale CHIARA nn c era gia piu ‘ ci avveva lasciato gia nella sua casa . E’ stato un dolore devastante ………….avevo il dolore di una madre che alla figlia era stato portato via il bene piu prezioso e il dolore di una nonna …………ricordo che mi misero CHIARA tra le braccia e la accompagnai in quel posto freddo dove c erano persone che la loro vita terrena se l erano vissuta . I giorni a seguire furono terribili c era  l attesa x l autopsia ……..quante lacrime ho versato .il cuore mi sembrava si spaccasse .nn e stao facile riprendere la vita , mia figlia come potevo aiutarla ? Forse nn le sono stata vicino abbastanza ma nn e’ stato facile nemmeno x me . Era una cosa troppo grande , nn mandai piu a scuola mio figlio e ci chiudemmo in una stanza , ci sentivamo protetti . Per la stada nn ce la facevo a vedere i paseggini e ricordo che vicino al carnevale mi trovai in una via dove c erano tutti i bambini mascherati , mi sentii male , io la mia nipotina nn ce l avevo piu . Piano piano si riprende a vivere ma nulla e’ piu come prima , sono arrivati altri tre gioiellini ,ma CHIARA e ‘ qui , le ho chiesto tante volte scusa i primi tempi perche mi sentivo in colpa quando coccolavo la sua sorellina Aurora e so che lei nn me ne vuole perche sa che questa nonna la amera all infinito e’ sempre nel mio cuore e ancora oggi quando parlo di lei le lacrime scendono perche e’ triste perdere una persona cara ma quando si tratta di un bambino e terribile .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: